Home Notizie L'uomo Delfino.....ci riprova!
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Il Meteo


     

Visite


Pagine Viste Oggi:568
Pagine Viste Ieri:1946
Pagine viste:8665530
L'uomo Delfino.....ci riprova! PDF Stampa E-mail

 

Sembrava uno scherzo sei mesi fa quando

Eros mi contattava per parlarmi della sua
impresa, la traversata del Lago Maggiore tutta a delfino.. all'inizio pensavo concretamente che fosse matto o che volesse prendermi in giro, poi come successivamente abbiamo raccontato, la manifestazione si è svolta e l'impresa è andata a buon fine! E
adesso Eros è pronto per una nuova sfida, battere il suo record in vasca sui 1500 metri a delfino e questa volta vuole davvero esagerare: 2000 metri in vasca corta!

 

 


Eros, quando ne parlavamo di questo tuo inizio atipico eri scettico e non credevi a tanto interesse.

Sì, non pensavo che la cosa avrebbe avuto tanto clamore. Mi ricordo ancora nitidamente quando sei venuto a Milano per farmi la prima intervista, tra me pensavo:” Caspita un giornalista che si scomoda per me, com’è possibile?!”.

Da come tu stesso mi hai raccontato subito dopo la traversata "dell'Eremo" hanno iniziato ad interessarsi di te media, organizzatori, giornali....ti ha stupito tutto questo soprattutto perché non ti aspettavi di finire sotto i riflettori?

E' successo tutto così in fretta che spesso non mi accorgevo di quello che stava accadendo. Ad esempio prima della traversata dell’Eremo sono stato intervistato da un tuo collega. Nell’agitazione del pre-gara non gli chiesi nemmeno per che giornale lavorasse. Qualche giorno dopo mi chiama un amico: ”Ma lo sai che sei finito sul giornale ‘IL GIORNO’?”. Adesso ho addirittura un agente, Stefano Tari, che in modo professionale organizza le mie imprese facendo risaltare gli Sponsor. Ho anche un sito web a me dedicato www.dolphinman.it , costantemente aggiornato, dove sono riportate tutte le mie imprese fatte e quelle in programmazione.

Dopo la traversata hai cambiato qualcosa nella tua preparazione? Fai lavori a questo punto specifici?

Ai soliti allenamenti 3 volte a settimana per mezz'ora al giorno ho aggiunto un allenamento di un’ora al sabato, che però non riesco sempre a fare. I tre allenamenti infrasettimanali sono per me più un divertimento. Spesso mi preparo da solo con degli amici conosciuti in piscina e organizzo degli allenamenti divertenti (nel nuoto spesso gli allenamenti rischiano di diventare monotoni). Un esempio: la staffetta a inseguimento. Ci si divide in due squadre, metà da un lato della piscina e metà dall’altro, si parte a 60 rosso e si nuotano frazioni da 50m a testa finché una delle due squadre non raggiunge l’altra. Il tutto finisce quando qualcuno tocca i piedi di un membro della squadra avversaria.

Raccontaci un pochino in tutti questi mesi cosa hai fatto!!

Dopo la traversata dell’Eremo mi sono concesso un bel po’ di pausa dagli allenamenti fino a fine agosto. Sono andato al mare con la famiglia e ho nuotato pochissimo, preso più a far giocare mia figlia. Ho ripreso a settembre con i classici 3 allenamenti di mezz'ora a settimana. Da qualche settimana ho iniziato ad andare una volta in più anche il sabato.
In questi mesi sono stato preso più coinvolto dalla promozione che dall’effettivo allenamento.

Vogliamo parlare di questa tua nuova impresa che si svolgerà a L'Aquila?

Il fatto di poter, in qualche modo, dare un contributo allo sport aquilano mi ha subito entusiasmato.
La disponibilità e voglia di fare dell’organizzatore Cristiano Carpente hanno fatto il resto.
L’obiettivo è di superare il mio attuale record in vasca di 1500m consecutivi nuotati a delfino e arrivare a 2000m. Il Trofeo “Immota Manet”, manifestazione organizzata dall’Aquila Nuoto si svolgerà il 6 di marzo presso la piscina comunale dell’Aquila. La manifestazione coinvolgerà circa 700 atleti, con complessivamente circa 1400 persone coinvolte. La manifestazione inizierà alle ore 08.30 con le seguenti modalità: 50 Fa - 100 Do - 50 Ra - 100 Sl - 200 Fa - Staff 4x50 SL pausa 1 ora 100 Mi - 50 Do - 100 Ra - 50 Sl - 100 Fa. La mia prova si svolgerà durante la pausa di metà manifestazione e tutti gli occhi saranno su di me.

Ma ho sentito dire che si sta pensando già ad una tournée ...addirittura ad una sfida a livello mondiale con altri atleti?

Sì, e per l’occasione canterò! A parte gli scherzi, l’idea iniziale era quella di creare un vero e proprio evento mediatico a tappe. Certo sarebbe molto impegnativo sia fisicamente sia a livello di tempo. Sarà da valutare.

Lo sviluppo di queste tue imprese sarà solo volto alla distanza oppure dobbiamo prepararci anche a vederti sfidare il "crono"?

Prevalentemente mi sono prefissato di migliorare la distanza, ma sicuramente se ripeterò la stessa distanza l’obbiettivo sarà di diminuire il tempo impiegato.

La tua famiglia, la tua bimba come vivono tutta questa attenzione? Fino a qualche mese fa eri uno sconosciuto, grazie anche a l'incontro con italiatriathlon.it abbiamo dato un volto e voce alla tua impresa!!

L’incontro con italiatriathlon.it e con te, Fabio, è stato fondamentale. Quando mi contattano per una manifestazione, non è sicuramente cosa da poco dire che sono seguito da Italiatriathlon.
La mia famiglia vive quest’attenzione molto serenamente, quasi come se non ci fosse.
Mia moglie di nuoto non se ne intende ed è contenta che io sia felice, ma a volte, come nella traversata del Lago Maggiore, è preoccupata per la mia incolumità. Mia figlia per il momento, ha solo due anni, credo che sostanzialmente avverta solo la mancanza
quando il papà è via a fare una manifestazione. Certo, siccome già conosce il significato
dell’applauso, mi farebbe piacere che mi vedesse all’arrivo applaudito da tutto il pubblico.

Ci vuoi parlare anche dei tuoi nuovi partner che ti supporteranno nell'iniziativa?

Jaked e nello specifico Patrick Cervizzi ha creduto nelle mie possibilità per quest’impresa e mi supporterà a livello tecnico. Si stanno affacciando altri sponsor tecnici paralleli. Nello specifico sponsorizzerò anche la Hibros Sport (www.hibros.it), che produce una linea di cosmetici per lo sport, tra cui le famose creme ad azione riscaldante Presport. Il Dott. Nadalini Francesco responsabile della Hibros, una persona molto disponibile, si è dimostrato subito interessato ad appoggiarmi nelle mie imprese. Come ulteriore nuovo sponsor che ha creduto in me ci sarà anche Jacked per il costume


Un messaggio importante quello dello sport che vuole portare anche tramite te, solidarietà in unazona che sappiamo quanto ha sofferto e quanto ancora si stia adoperando per uscire da una calamità che davvero ha colpito il Mondo intero..

Lo sport unisce ed è quello che ha bisogno chi vive in questa zona. Devo dire che parlando con Cristiano Carpente mi sono subito reso conto di come gli abruzzesi, ce la stiano mettendo tutta per risollevarsi. Hanno tanta voglia di fare. Basta consultare il sito dell’Aquila Nuoto (www.aquilanuoto.it ) per rendersi subito conto del numero di manifestazioni che riescono ad organizzare. Oltre a queste hanno tutta una serie di iniziative collegate.

Una battuta: adesso che costruiscono il ponte sullo stretto di Messina...perde appeal la traversata a delfino....magari pensiamo a fare il ponte saltando su un solo piede:) dai almeno scherziamo.....!!

Ti ringrazio per la domanda. Con una battuta: spero non lo facciano! Non solo per far mantenere appeal alla traversata a delfino, ma anche perché, come ingegnere civile strutturista non ritengo sia un’operazione economicamente valida ne’ strutturalmente sicura. Basterebbe chiedere agli aquilani cosa ne pensano di spendere milioni di euro per un ponte. Pensa che probabilmente faranno pagare un biglietto per transitare e molto potrebbe costare di più che prendere il traghetto.

Eros, mi è giunta voce che stai preparando un’altra impresa che entrerà nel Guinness World Record, è vera?

Fabio, non ti si riesce a nascondere nulla. Si è vero è un’impresa davvero eccezionale. A tal proposito sono stato intervistato in diretta da Radio Sportiva, un’emittente che trasmette su diverse frequenze in tutta Italia. Adesso sono all’inizio della fase organizzativa, ma appena avrò definito meglio l’impresa vi racconterò tutto nei dettagli. Vi accenno che è un’impresa di resistenza a nuoto, in condizioni estreme e che non sarà a delfino.

Com’è andata la tua prima intervista in diretta? Eri emozionato?

E’ stata un’esperienza bellissima che auguro a tutti di poter sperimentare. Prima della diretta avevo paura, poi invece, come spesso mi accade, quando ho iniziato a parlare mi sono tranquillizzato e tutto è andato per il meglio. Certo, ho detto la metà delle cose che volevo dire, ma va bene così, mi rifarò la prossima volta. Alla fine ero felice. Per chi la volesse ascoltare l’intervista, è scaricabiledal sito www.dolphinman.it.



 
www.italiatriathlon.it
è una testata  giornalistica   autorizzata dal Tribunale di Cuneo con numero 614 del 7.10.2008.
Fondata da Davide Nerattini e di proprietà della A.S.D. Cuneo Triathlon P.IVA:03020100040
Direttore Responsabile  Dott. Paolo Bongioanni
 
creato da www.aroundstore.com

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per maggiori informazioni leggere la nostra normativa sulla privacy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information